Dott. Emiliano Maddè

Osteopatia

L’ OSTEOPATIA

L’osteopatia è una terapia che ripristina l’equilibrio globale del corpo.

Si basa su quattro principi fondamentali:

  • Il corpo è un’unità; la persona è un’unità di corpo, mente e spirito.

  • Il corpo ha la capacità di autoregolarsi, di auto-guarire e di mantenere lo stato di salute.

  • Struttura e funzione sono reciprocamente correlate.

  • La logica del trattamento manipolativo osteopatico è basata sulla comprensione dei principi fondamentali di unità del corpo, autoregolazione e interrelazione tra struttura e funzione.

È riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.



METODO E TECNICA

L’osteopata, grazie alla palpazione, valuta il paziente individuando l’area disfunzionale o sovrasollecitata e lo tratta tramite tecniche di manipolazione non invasive in modo tale che manipolando, appunto, il sistema connettivale che relaziona muscoli, ossa, vasi e nervi il corpo si attivi per l’autoguarigione.


L’osteopatia si basa su un approccio multidisciplinare finalizzato al benessere complessivo del paziente e, pertanto, di norma, l’osteopata collabora con diverse figure mediche specialistiche, quali: ortopedici, fisiatri, neurochirurghi, oculisti, odontoiatri, ginecologi, otorinolaringoiatri, pediatri. A tal fine, possono risultare necessari esami diagnostici specifici, quali radiografie ed esami del sangue.



COSA CURA

I disturbi su cui l’osteopatia può agire interessano l’apparato neuro-muscolo-scheletrico, cranio-sacrale e viscerale. Ad esempio:

  • disturbi al sistema muscolo-scheletrico, quali cervicalgie, dorsalgie, lombalgie, dolori vertebrali, articolari, costali e intercostali, dolori da traumi sportivi o incidenti stradali, ernie discali, colpi di frusta, dolori artritici, tendiniti, contratture, scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, artrosi, problemi posturali;

  • disturbi al sistema digestivo, quali acidità gastrica, ernia iatale, colite, stipsi;

  • disturbi al sistema genito-urinario, quali amenorrea, sindrome post-partum, dolori mestruali;

  • disturbi al sistema neurologico e neurovegetativo, quali irritabilità disturbi del sonno, nevralgie;

  • disturbi al sistema circolatorio, quali problemi circolatori agli arti, congestioni venose o linfatiche;

  • disturbi relativi a otorinolaringoiatria quali rinite, sinusite cronica, vertigini, problemi di deglutizione;

  • asma, sindrome del tunnel carpale, otiti, emicranie, cefalee.